Anatole Taubman, nato a Zurigo, ha origini russe, polacche, slovacche, austriache e prussiane. Nel 1991 ha conseguito la maturità nel rinomato liceo della Stiftsschule benedettina nell’abbazia di Einsiedeln. Nel 1994 ha portato a termine la sua formazione alla prestigiosa scuola di teatro «Circle in the Square» di New York.

Anatole Taubman, da vero cosmopolita, parla fluentemente cinque lingue (inglese, francese, italiano, tedesco, svizzero tedesco). Ha recitato in oltre 90 produzioni cinematografiche e televisive interpretando ruoli principali e secondari. Dal 1998 lavora intensamente raccogliendo successi internazionali, ad esempio in Inghilterra, Francia, Germania, Svizzera e Stati Uniti.

È diventato famoso a livello internazionale grazie ai ruoli interpretati nelle produzioni televisive in lingua inglese quali Band of Brothers (HBO), Servants (BBC), POW (ITV), Spooks VI (BBC), Waking The Dead VII – Pièta (BBC), I Tudors II (Showtime) nonché la mini serie di Ken Follet premiata e nominata agli Emmy® I pilastri della Terra (Starz). Si è imposto come attore caratterista in film come Mein Name ist Bach (CH/D), Luther (D), Marmorera (CH), Fay Grim (USA), Snipers Valley (D), Secret Défense (F), Io vi troverò (F/USA), James Bond – A Quantum of Solace (GB/USA), La papessa (D), Coco Chanel & Igor Stravinsky (F), Il quinto potere (USA), Capitan America (USA), Resistance (UK), Fünf Freunde I (D), Lost Place (D), Akte Grüninger (CH/A), Der Kreis (CH ), Northmen A Viking Saga (CH/D/SA), Transporter Refueled (F/USA) e nel thriller indie inglese prossimamente in uscita Bees Make Honey (UK/w&d: Jack Eve).

Anatole Taubman sorprende anche il pubblico della televisione svizzero tedesca da quasi vent’anni e in particolare negli ultimi tre anni, con l’interpretazione di ruoli principali negli episodi di Tatort Leipzig – Schwarzer Afghane (D/MDR; R: Thomas Jahn)‚ Kriminalist – Checker Kreuzkölln (D/ZDF; R: Christian Görlitz), Operation Zucker (Deutscher Fernsehpreis 2013 , D/ARD; P: Gabriela Sperl /R: Rainer Kaufmann), Luis Trenker – Der Schmale Grat der Wahrheit (D/A;ARD/ORF; R: Wolfgang Murnberger) e nel riadattamento della celeberrima fiaba di E.T.A. Hoffmann Schiaccianoci e il re dei topi (D/ARD; R: Frank Stoye). Recentemente Anatole Taubman ha interpretato il rivale colonnello Tarkan in Im Zeichen des Taurus, la prima parte della popolare serie televisiva Squadra Omicidi Istanbul (D; ARD; regia: Bruno Grass). Durante il festival del film di Amburgo di quest’anno, l’episodio «Ladies First» celebra la première della serie poliziesca ZDF Nachtschicht (D/ZDF; R: Lars Becker), in cui Taubman interpreta il personaggio di «Holm Brüll», insieme a Jürgen Vogel ed Henry Hübchen. 

Inoltre nel 2016 Taubman ha recitato nel ruolo principale di «Montcourt», nella 1a stagione (10 episodi) dell’importante serie televisiva in lingua inglese Versailles, ispirata alla corte di Luigi XIV, e trasmessa dalle televisioni di tutto il mondo in circa 40 paesi (ad es. in GB da BBC2 e USA da Ovation). Nel 2016 è stato attore principale in quattro commedie, tra cui i film cinematografici Baumschlager (regia di Harald Sicheritz) e Auf Wiedersehen Deutschland di Sam Garbarski nonché nella commedia televisiva romantica della scrittrice di successo Cecilia Ahern Ein Moment fürs Leben  (D/ZDF; regia di Jophi Ries). Nella seconda parte del primo adattamento TV del capolavoro satirico Decline & Fall (UK/BBC; regia di Guillem Morales), dell’autrice di culto Evelyn Waugh e girato in 3 parti dalla BBC, Taubman recita nei panni dell’artista e architetto, professor Otto Silenius.

Fino a metà aprile 2017, Taubman ha recitato nel ruolo del grande industriale assetato di potere «Bernd Doppler» negli episodi 8,9 e 10 della prima serie Netflix in lingua tedesca Dark, messa in scena da Baran Bo Odar. Inoltre ha un ruolo importante nel film francese L’Apparition, le cui riprese termineranno a metà aprile a Parigi e nel villaggio francese di Gap. Il protagonista è un giornalista (la star Vincent Lindon), che verifica l’autenticità di un’apparizione: a Gap una ragazza avrebbe visto la Vergine Maria. Anatole Taubman è «Anton Meyer», un missionario cattolico radicale della diocesi di Gap. Sceneggiatura del regista  Xavier Giannoli. L’uscita nelle sale cinematografiche è prevista per il 2018. 

Premi/nomination/altro: 

  • 2004 Nomination Premio del cinema svizzero «Miglior interpretazione da non protagonista» in Mein Name ist Bach
  • 2007 Glanz & Gloria Award «Success of the Year»
  • 2008 Prix Walo «Miglior attore»

Anatole Taubman è portavoce di UNICEF Svizzera e ambasciatore di buona volontà di BBC WorldWideTrust.